RSS

Archivi categoria: citazioni

Il miracolo di don Puglisi – Citazioni

Dobbiamo pensare di non rimanere uomini senza speranza, perchè gli uomini senza speranza sono uomini senza futuroPadre Puglisi

La mafia ruba anche l’infanzia

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 13, 2013 in citazioni

 

E’ morto Ray Bradbury, autore di “Fahrenheit 451”

“Noi non siamo che copertine di libri, il cui solo significato è proteggerli dalla polvere.” Ray Bradbury

“Capite ora perché i libri sono odiati e temuti? Perché rivelano i pori sulla faccia della vita. La gente comoda vuole soltanto facce di luna piena, di cera, facce senza pori, senza peli, inespressive.” Ray Bradbury

 
Lascia un commento

Pubblicato da su giugno 6, 2012 in citazioni

 

Beato il popolo che non ha bisogno di “scassaminchie” [cit.]

 
Lascia un commento

Pubblicato da su maggio 23, 2012 in citazioni

 

Tag:

Giorni di zucchero, fragole e neve

Giorni di zucchero. fragole e neve è un libro dolce.

Dolce in tutti i sensi: dolce negli aggettivi usati, dolce nella scelta dei personaggi che non saprebbero far del male alle persone che amano, dolce nel parlare di dolci.

Josey è una ragazza di poche parole e di tanto cuore, non ha amici, non ha interessi, non vede gente. Quello che fa è dedicarsi h24 alla madre che fa di tutto per farla sentire in colpa per aver avuto tutte le attenzioni del padre.

Per sfuggire alla realtà Josey si fionda quotidianamente nel suo armadio segreto, nella sua stanza, dove si avvolge in dolci di ogni specie per farsi coccolare.

L’unico appuntamento della giornata. oltre che con i dolci, è dietro una finestra, in attesa che il postino, Adam, di cui è segretamente innamorata, lasci le lettere.
Ma la vita è imprevedibile e presto Josey riuscirà a circondarsi di amici, del suo amore e riuscire a ottenere la libertà sperata senza sentirsi in colpa.

“ho una relazione speciale con i libri” “i libri a volte sono possessivi, vero? Cammini in una libreria e un determinato libro ti salta incontro, come se si fosse spostato lì da solo, soltanto per attirare la tua attenzione. A volte quello che c’è dentro ti cambierà la vira, a volte non ci sarà neanche bisogno di leggerlo. A volte avere intorno un libro è semplicemente un conforto. Molti di questi libri non sono mai neanche stati aperti. Perchè comprate dei libri che non leggete nemmeno? Ci chiede nostra figlia. È come chiedere a qualcuno che vive da solo perchè si è comprato un gatto. Perchè gli faccia compagnia, ovvio” (cit.)

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 10, 2012 in citazioni, libri letti

 

Tag: , , ,

Libri e amori a Los Angeles. Citazioni

Di seguito le citazioni, di cui vi parlavo ieri, che aprono i capitoli del libro “Libri e amori a Los Angeles”.

Mi sono sempre immaginato il paradiso come una specie di biblioteca [Jorge Luis Borges]

Tutte le storie più belle del mondo in realtà non sono altro che una sola storia, quella della fuga. É l’unica cosa che interessa tutti noi e in ogni momento: come fuggire [Arthur Christopher Benson]

Succede con i libri come per gli uomini: pochissimi giocano un ruolo chiave [Voltaire]

Non viaggio mai senza il mio diario. Mi piace avere sottobanco qualcosa di forte da leggere in treno [Oscar Wilde]

Io divido tutti i lettori in due categorie: quelli che leggono per ricordare e quelli che leggono per dimenticare [William Lyon Phelps]

Leggo gran parte della notte, e vado a sud in inverno [T.S. Eliot]

L’effetto migliore di qualsiasi libro è che incita il lettore all’azione personale [Thomas Carlyle]

Un classico è un libro che tutti lodano e nessuno legge [Mark Twain]

Penso che leggere un romanzo sia quasi bello come avere qualcosa da fare [Margaret Oliphant]

Fu questo il viso che mandò alla guerra mille navi? [Christopher Marlowe]

Due sono i motivi che spingono a leggere un libro: uno, perchè ti piace, l’altro per vantarti di averlo letto [Bertrand Russell]

Si dice che la vita sia il massimo, ma io preferisco leggere [Logan Pearsall Smith]

Ballare è un magnifico esercizio per le ragazze: è la prima occasione per imparare ad indovinare che cosa abbia intenzione di fare un uomo che lo faccia [Christopher Morley]

Nessuna ragazza è mai stata rovinata da un libro [James J. Walker]

Lo sto rileggendo con lenta, deliberata noncuranza [T.E. Lawrence]

Lily, fiera della sua larghezza di idee, lasciava posto anche alla letteratura e portava sempre nel suo bagaglio una raccolta di poesie di Omar Khayyam [Edith Wharton]

Il capriolo alzò la testa per guardarlo. La mossa fu lenta, come di chi sia rassegnato a non poter rendersi conto di ciò che succede, ma il fermo sguardo liquido degli occhioni parve trafiggere Jody da parte a parte [Mariorie Kinnan Rawlings]

Digli che sono stata troppo fottutamente occupata… o troppo occupata a fottere [Dorothy Parker]

Ma che vadano a farsi fottere: i libri servono solo a farsi seghe [Philip Larkin]

La sola assenza dei libri di Jane Austen, di per sé, farebbe di una biblioteca che non contenga alcun libro una biblioteca quasi accettabile [Mark Twain]

Non giudicare un libro dalla copertina [Anonimo]

La saggezza non è tale se deriva solo dai libri [Orazio]

…dall’oscurità uscì una vocina… [E.B. White]

Morire è un’arte, come ogni altra cosa [Sylvia Plath]

Scoprire che le storie dei libri erano state scritte da persone e che i libri non erano meraviglie naturali che crescevano da sole come l’erba era stata una sorpresa e una delusione [Eudora Welty]

Non esiste vascello come un libro per portarci in terre lontane [Emily Dickinson]

Bisognerebbe leggere solo ciò che è davvero buono o francamente pessimo [Geltrude Stein]

Al di fuori del cane, un libro è il migliore amico dell’uomo. All’interno del cane, c’è troppo buio per leggere [Groucho Marx]

<<Lieto Natale, zio. Dio sia con te>> gridò una voce allegra… <<Bah!>> fece Scrooge. <<Sciocchezze!>> [Charles Dickens]

Chiedete al rospo che cosa sia la bellezza… Vi risponderà che è una femmina con due grandi occhi tondi sporgenti dalla piccola testa, una bocca larga e piatta, il ventre giallo e il dorso bruno [Voltaire]

…leggete sempre qualcosa che vi faccia fare una bella figura nel caso doveste morire nel bel mezzo della notte [P.J. O’Rourke]

Posso resistere a tutto, tranne alle tentazioni [Oscar Wilde]

E’ veramente raro, alla fine, lasciarsi bene, perchè se si stesse bene non ci si lascerebbe. [Marcel Proust]

Dove sto andando? Non lo so per niente. Che cosa importa dove va la gente? [A.A. Milne]

Il mio piccolo, vecchio cane: un battito di cuore ai miei piedi [Edith Wharton]

Sognai l’altra notte che ritornavo a Marderley [Daphne Du Maurier]

Mi piacciono i libri sottili perchè vanno bene per sistemare un tavolo traballante, i volumi in pelle perchè possono affilare un rasoio e quelli pesanti perchè si possono lanciare dietro a un gatto [Mark Twain]

I libri sono una cosa positiva, entro certi limiti, tuttavia sono un pallidissimo surrogato della vita [Robert Louis Stevenson]

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su novembre 16, 2011 in citazioni

 

Libri e amori a Los Angeles

Ho voluto fortemente questo libro per una citazione che ho letto su un sito e che poi ho scoperto essere di queste pagine:

Colleziono nuovi libri allo stesso modo in cui le mie amiche comprano borse firmate. A volte mi basta sapere di averli e non mi pongo il problema se riuscirò a leggerli. Non che alla fine non li legga tutti, a uno a uno. Lo faccio. Ma il solo gesto di comprarli mi rende felice: la vita diventa più promettente, più appagante. E’ difficile da spiegare, ma io mi sento, in un certo senso, più ottimista.”

Questa frase è la mia perfetta descrizione. Io faccio tutto ciò.

Ho avuto qualche difficoltà a reperirlo in libreria ma fortunatamente esistono le librerie online e il gioco è fatto.

Ho cominciato a leggerlo appena ricevuto a casa e Dora ero io.

Ho trovato un’assurda rassomiglianza tra le cose fatte da Dora e me. Mi sono chiesta poi se è un caso o tutte le bookish fanno tutte le stesse cose, hanno tutte le stesse manie 😀

  • comprare libri
  • chiudersi in casa immersi nei libri nei momenti out
  • portare libri in bagno e stare in vasca fino a quando l’acqua non diventa ghiacciata
  • fare delle citazioni le pillole di saggezza della vita

Il libro è il racconto di un periodo della vita di Dora tra problemi di lavoro, amoroso, familiari, esistenziali.Scorre bene e ci si affeziona alla protagonista.

Ogni capitolo si apre con una citazione di uno scrittore famoso e anche nel libro non mancano i riferimenti libreschi.

Le ultime pagine sono un elenco di tutte le opere nominate nel romanzo e quello che si vorrebbe fare, chiuso il libro, è solo correre in libreria e comprare più volumi possibili perchè sembrano tutti essenziali alla nostra esistenza.

L’unica pecca secondo me è il finale. E’ meno frizzante di quel mi aspettavo. La lettura di questo libro è come un calice di spumante, alla fine della quale di bollicine ne sono rimaste ben poche.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su novembre 15, 2011 in citazioni, libri letti

 

Tag: , , , ,

La differenza tra me e te

Si chiama così la nuova canzone che lancia il nuovo album di Tiziano Ferro in uscita alla fine di questo mese.

Devo ammettere che sono curiosa di sentirlo.

Ascoltavo distrattamente Tiziano ferro in passato ma quando è uscito il caso outing e il suo libro mi ci sono proprio affezionata.

Ho letto Trent’anni e una chiacchierata con papà quando è stato pubblicato. Strano. E’ la prima biografia di un personaggio famoso che ho la curiosità di leggere senza essere prevenuta, immaginandomi un montato snob che appare Dio agli occhi dei fans volendoli convincerli di non volerlo essere.

Ho letto il libro con interesse ed è forse il primo libro che sottolineo.

  • Oggi, dopo qualche mese di lettura l’ho ripreso e, sfogliandolo velocemente, mi sono soffermata e riletto alcune parti che avevo evidenziato:
  • ogni volta che una persona per me importante dice qualcosa, io la ascolto [pag. 30]
  • o tutto o niente, o successo o penitenza, o sempre o mai, o riuscita o disfatta. O darsi completamente o non darsi [pag 32]
  • esamino esanime le pagine di questo diario. Perchè il confronto diretto con se stessi è sempre un mestiere faticoso [pag. 60]
  • grazie alla mia capacità di stare solo. È come se mi ritirassi in una terra di mezzo in cui mi concedo soltanto quello che mi piace e quello che mi va nel tentativo di stare bene, io e basta però, senza dovermi piegare al compromesso di far felice qualcun altro [pag. 61]
  • odio aver considerato di nuovo di morire, e odio dover chiudere ogni volta questi discorsi col solito pensiero fisso di me che voglio mollare tutto. [pag. 147]
  • la mia vita merita di meglio, io merito di meglio. Fatti una promessa, dal prossimo quaderno prova ad amarti un po’ di più… e senza paura [pag.183]
  • il mondo sa essere cattivo con chi non riesce a difendersi e io non ho mai veramente imparato a farlo. […..] Non fare come me che, volendomi perfetto, ho passato la vita a osservare solo quello che di me pensavo non andasse bene, finendo per non avere nulla tra le mani, tranne la mia voglia di morire. [pag. 389]

Sono delle pagine sofferte e mi sono rimaste dentro.

Prima o poi lo rileggerò.