RSS

Archivi tag: 2012

L’amore bussa sempre due volte – Paige Toon

Se leggete le recensioni del libro in giro per il web sono tutte positive e anche la mia lo è.

Non potrebbe non esserlo! “L’amore bussa sempre due volte” non è altro che il sogno di ogni donna (e non solo) fatto libro.

Quando ci dicono che il primo amore non si scorda mai non ci dicono che l’assoluta verità, non è fantasia.

Per riprenderci dal primo amore ci vogliono anni, libri interi da sfogliare, non basta semplicemente cambiare pagina.

Stiamo lì, dopo anni a ripensare ancora a quello che poteva essere, a come è andata e a cosa non si è fatto o detto.

Il pensiero al primo amore è sempre pieno di se e di ma è di forse.

La verità è che la vita è andata avanti e quella seconda possibilità di vivere quel primo grande amore non l’abbiamo avuta.

Certo, non per tutti è così (e meno male). Alcune di noi riescono ad avere una seconda possibilità e a giocare a nel migliore dei modi.

Anche io ho avuta una seconda possibilità ma non sono stata in grado di riconoscerla e così è volata via. Adesso ho una nuova vita, nuove persone accanto a me e ogni tanto riaffiora qualche se, qualche ma, qualche forse.

La protagonista del libro ha, invece, saputo giocare la sua seconda possibilità? Quando pensava che quell’amore adolescenziale non faceva più parte di lei, ecco che questo riaffiora e fa mettere in discussione ogni frammento di vita visto a invaderla e stravolgerla.

Un libro semplice, scorrevole, pulito, pagine di amore raccontate senza fronzoli. Nella semplicità del “e vissero tutti felici e contenti”

 

 

Annunci
 
 

Tag: , ,

Cinquanta sfumature di Gigio – Rossella Calabrò

Ok. Ci rinuncio.

Sarà la parola “sfumature” che fa scrivere libri di m… poco apprezzabili?

E’ da pensarci.

Rossella Calabrò, blogger e nonsocosaltro, si lancia nell’ardua sfida di prendere per il culo il best seller “cinquanta sfumature di…” mettendo a paragone Mr Grey, protagonista miliardario, fantastico e pornografico del best seller, e Gigio, l’uomo medio, reale.

Ho letto la metà del libro con enorme sforzo e non sono riuscita ad andare avanti.

La Calabrò di propone di paragonare in maniera ironica l’uomo reale e l’uomo di fantasia. Mi chiedo: ma la Calabrò, ma chi frequenta? Possibile che sia così sfigata da aver conosciuto solo Gigio e nessun altro?

Dio la salvi.

Mi pongo anche altri quesiti: ma perchè fanno scrivere libri proprio a tutti? ma come fanno a mettere sul commercio libri di questo tipo?

 

 
1 Commento

Pubblicato da su settembre 17, 2012 in libri letti

 

Tag: , , ,

Cinquanta sfumature di grigio – E. L. James

Confesso: non ho mai letto un romanzo erotico, e se qualcuno mi conferma che tutti i romanzi erotici sono come il primo libro della trilogia più venduta del momento abbandonerò il genere.

Ho letto il libro in una settimana. Tra una noia e l’altra sono riuscito a portrlo a termine. Con non poca difficoltà.

Due i personaggi principali: lui e lei. Lei, Anastasia [detta Ana] incontra questo uomo giovane e pieno di soldi e l’unica cosa che fa quando lo vede, oltre a parlare con il suo cervello e continuare a dire “oddio quanto me lo farei, oddio che culo, oddio è bello, oddio ma xchè non mi scopa”. Quando lo fa continua a dire “oddio mi sta facendo, oddio che culo, oddio ma xchè non continua a farlo”

Lui [Mr. Grey] è un complessato con traumi infantili e che, invece di andare da uno bravo, ha deciso di investire il suo denaro in una stanza delle torture che lo fa sentire il padrone del mondo. Sembra avere la buona abitudine di uscire senza mutande piuttosto che senza preservativi in tasca..

Lei si dice innamorata. Ma de che? dell’aereo in prima classe, dell’aereo privato o del mac e del blackberry? e intanto si fa picchiarre e si fa sculacciare perchè in fondo è eccitante.

I due stipulano un contratto: lui il dominatore, lei la sottomessa…. e passano 400 pagine a menarcela con sto contratto, con “lo firmi” “non lo firmi” ma intanto scopiamo, anzi “fottiamo” .

Il libro si conclude con lei che si incazza xchè lui non è innamorato o almeno non glielo dice.

Va beh!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su agosto 31, 2012 in libri letti

 

Tag: , , ,

Fai bei sogni

Lascia che i morti seppelliscano i loro morti. E’ con una frase del Vangelo secondo Luca che penso possa racchiudersi la spiegazione di questo libro.
Fai bei sogni è l’anteprima del precedente L’ultima riga delle favole e si scopre essere un libro autobiografico.

Gramellini fa i conti con il suo passato nelle pagine di un libro, ripercorrendo l’amore dei genitori, il presunto loro mancato amore, seppellendo i suoi morti.

E’ un romanzo che non parla di morte, ma usa la morte per parlare della vita. Affronta, con la leggerezza della scrittura, che solo Gramellini sa dare, la leggerezza del vivere.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 30, 2012 in libri letti

 

Tag: , , ,

L’amore è una cosa semplice

Poco più di 100 pagine e mezza giornata per leggerle.

Il nuovo libro di Tiziano Ferro non è altro che un nuovo capitolo della sua vita raccontato in un libro.
Un nuovo diario che raccoglie due anni della sua vita e che seguono il libro ‘Trent’anni e una chiacchierata con papà’.

La sensazione alla fine dei due libri è identita: “Oh no, è finito!”

Leggendoli infatti, si ha la sensazione di dipendenza da quelle parole, da quei raccon ti. Brevi racconti di una vita intensa. Molti invidiano la vita del vip, del cantante di successo, dei continui viaggi per lavoro; ma i vip sono realmente così felici?
Forse no. O almeno, Tiziano Ferro non lo è sempre; ha gli alti e bassi di qualsiasi persona, si rimprovera delle cose, non si perdona e soprattutto cresce. Come tutti insomma.

Cosa rende speciali questi diari?

Proprio la semplicità della vita. Leggendoli ci si ritrova in quei pensieri, ci si ritrova negli sbagli, negli assilli, nelle paure e nelle incertezze.

Il libro prende il nome dall’ultimo album.

Sembra una frase banale e invece è illuminante. Ma davvero l’amore fa soffrire o siamo noi a soffrire per amore? Ma davvero l’amore fa soffrire o chiamiamo amore quello che non lo è?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 9, 2012 in libri letti

 

Tag: , , ,